Voglio conoscere le arti marziali perchè l’autismo non è malattia.

0.10% Raised
€10,00 donati su €10.000,00 di traguardo
1 Donors
15 Giorni
  • 16
  • Campionato BCC Cantù
  • 10
  • 16
  • Coppa Biosonic
  • 1
  • 18
  • Trofeo Dai Como
  • 0

La pratica delle arti marziali può direttamente migliorare il benessere psicofisico delle persone con ASD.

Il raggiungimento di obiettivi graduali e progressivi, va di pari passo con i piccoli e grandi successi che le persone con autismo o con disabilità riescono ad ottenere ed è sicuramente un grande incentivo per aumentare l’autostima e rafforzare la fiducia nei propri mezzi e nelle proprie potenzialità.

La nostra società, quest’anno compie i suoi primi 30 anni e per questo, abbiamo pensato che per il 2024 i nostri progetti dovevano essere destinati a loro, alle persone con disabilità Tutto questo, rappresenta una sfida positiva, mediante la quale il soggetto, quale che sia la sua condizione, può «riappropriarsi del proprio corpo e della propria mente decidendosi a fare , a sentirsi e a essere pienamente e autenticamente vivo. Il divenire della persona, con o senza deficit o difficoltà, è la risultante di una serie di interrelazioni che consentono alla stessa di evolvere nel corso del tempo. Lo sport praticato dalla persona disabile rappresenta, sul piano educativo-speciale, una possibilità di affrancamento della stessa non tanto dal deficit o dal disturbo quanto dalla concezione sociale o dal pregiudizio (talvolta presente anche nelle figure educative di riferimento)che «persona disabile» equivalga a «soggetto debole, inabile, non idoneo o malato».

In altri termini, lo sport è una delle vie dell’educazione per promuovere il progetto di vita: indica la possibilità e la capacità di guardare avanti, di formulare ipotesi, di organizzare i dati presenti e passati per prospettare quanto ancora non c’è, e per il quale vale sempre e comunque la pena di, prevedere un piano educativo in grado di sviluppare e di potenziare al massimo le sue possibilità. L’attività sportiva, puo’ essere considerata il MEDIATORE , che può aiutare a sottrarre la persona con disabilità e a sottrarla dalla sua solitudine. Lo sport può essere considerato come altre attività il facilitatore di relazioni e di incontri.

Your Donation
Details
Vuoi donare come?
Il codice fiscale di chi effettua la donazione è necessario per godere dei benefici fiscali previsti dalla normativa vigente

Presa visione dell’informativa ex art. 13 D. Lgs 196/2003 autorizzo a norma dell’art. 23 del menzionato Decreto al trattamento dei miei dati personali da parte di Fondazione Comasca per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa stessa
Visiona l'informativa

Chiedo alla Fondazione Comasca di condividere i miei dati anagrafici con la realtà che ho deciso di sostenere affinché possano ringraziarmi e informarmi su cosa è stato possibile realizzare grazie al mio contributo*

Puoi nascondere l'importo della tua donazione, se preferisci che non sia visibile agli altri utenti

Se vuoi puoi inserire un nome diverso dal tuo da mostrare nella bacheca con le donazioni

Metodo di pagamento
Scegli il metodo di pagamento
  • grazie al contributo di Unicredit è completamente gratuito

  • • 0,5% per le transazioni inferiori o pari a 10€
    • 0,5% + 0,20€ per le transazioni superiori a 10€

  • Dalla tua donazione stripe tratterrà:

    • 1,2% + 0,29€ per le Carte Visa o Mastercard Europee
    • 2,90% + 0,29€ per le carte non europee o American Express

  • Dalla tua donazione paypal tratterrà:

    • 1,8% + 0,35€ per transazione
    • 3,3% + 0,35€ per le donazioni provenienti dall'estero